Game #1: Milan vs Juventus - 2003

Updated: Nov 9, 2020



1- Milan-Juventus, Champions League Final, 28/05/2003


For football lovers, this is more than just a sport, it’s a passion, a lifestyle, something that creates emotions and that unites millions of people all over the world and brings them together despite of the distances. Within this big group of fans, regardless of their support for different teams, every fan has a dream inside his heart, an ultimate ambition for his team, which usually coincides with the win of a great competition, possibly the Champions League. In the case that, in addition to this, it’d be possible to obtain something more, the supporter’s choice would be almost certainly winning it against his rival team, the eternal opponent that he has always hated. For the Rossonero supporter, all of this, incredibly happened on the 28th May 2003, the day when the Diavolo won their sixth Champions League winning the most important game in their history: Milan-Juventus.

The long European journey of the Ancelotti’s squad started in August 2002, which after the Champions League preliminaries, gained access to the group stage against Slovan Liberec thanks to the away goals rule after winning 1-0 at home and losing 2-1 in Liberec. If in the league the team was not able to keep up with Juventus, the situation in Europe was completely different and the team finished the first group stage with 5 victories out of 6 games. Even the second group stage didn’t prove to be a problem despite the presence of teams such as Real Madrid and Borussia Dortmund, and Milan was therefore able to end the group as first, qualifying to the quarter of finals against Ajax. After a bland 0-0 in Holland, the decisive match was in Milan, in front of 76,000 spectators; the Rossoneri took the lead with a Inzaghi’s header in the first half, Litmanen equalized in the second half but two minutes after Shevchenko scored the 2-1. With 10 minutes left in the game, Pienaar equalized again driving away the Milanisti supporters’ hopes. When everything seemed to be gone, Inzaghi received a good pass inside the box and passed the goalkeeper with a brilliant lob, scoring the qualifying goal, even if this one was then given to Tomasson who touched the ball before it entered the goal. After the final whistle, the Rossoneri supporters celebrated full of joy for reaching the semi-final, where they found their rivals, Inter.

Before the Champions League derby the supporters’ tension builded up, 180 minutes separated them from writing history to being mocked for years by their rivals; even the game seemed to be affected by this general fear, and the first game, played at Milan’s home, ended 0-0. In the return game this trend seemed to continue, but just before the end of the first half Shevchenko went through Cordoba and scored a beautiful goal, bringing the Rossoneri up. At the 84’ minute, when everything seemed to be done, Martins equalized for Inter and this encouraged the team to fight for the win, making the final minutes palpitating. A few minutes after indeed Kallon received a good ball and he was about to score, but Abbiati made an incredible save and maintained the draw. After this missed chance, the Nerazzurri were not able to create other opportunities and thus the game ended, allowing the Rossoneri supporters to express their irrepressible joy and see the gates of the final who was played in Manchester.

In the other semi-final Juventus defeated Real Madrid 3-1 in Turin after losing the first game and therefore gained the access to the first and only Champions League final where two Italian teams were facing each other. Milan started well and took the lead in the 9th minute thanks to Shevchenko, but the referee ruled out for an offside by Rui Costa, who was standing in front of Buffon, covering his line of vision. The game went on with not many emotions and with an occasion for each team, Inzaghi got close to score with a header first and Conte hit the crossbar later on. The match continued to the extra time, where no team was able to overcome the other and the only event if the injury of Roque Junior, who decided to stay on the field not to let the team play with a man down. To declare a winner it was then necessary to go to a penalty shoot-out. Juventus started first with Trezeguet from the spot, but Dida saved the first penalty. The first one for Milan is Serginho, who scored and took the lead. On the second round Birindelli scored and Seedorf saw his penalty saved by Buffon. Zalayeta and Kaladze both missed the penalty and the teams were then even. After saving two penalties Dida saved the one kicked by Montero, while Nesta was able to score, leading the score for Milan with one last penalty to the end. Juventus scored with Del Piero and it was then Shevchenko’s turn. The Ukrainian went to the spot concentrating only on scoring that penalty, and this can be understood looking at the glance of his eyes on which the camera focused, a glacial glance that didn’t reveal any insecurity. The referee whistled, Sheva started and scored against Buffon. The Rossoneri supporters at the Old Trafford burst into joy and Sheva started running cheering and ended his run in Dida’s arms, the two heroes of the final let themselves go to an emotional hug, joined by their companions moments later. The Rossoneri were living an unexpected joy, a beautiful dream which their supporters didn’t want to wake up from. Milan were European Champions after an extraordinary journey and after defeating Juve, but although they were at the Theatre of Dreams, this was not a dream, it was an enchanting reality that will remain in Rossoneri hearts forever.

1- Milan-Juventus, Finale di Champions League, 28/05/2003

Per gli amanti del calcio, questo è molto più di uno sport, è una passione, uno stile di vita, un qualcosa che crea emozioni e che accomuna milioni di persone in tutto il mondo, avvicinandole nonostante le distanze. All’interno di questo grande gruppo di appassionati, a prescindere dalle simpatie per squadre differenti, ogni tifoso ha in cuor suo un sogno una massima aspirazione per la propria squadra, che normalmente coincide con la vittoria di una grande competizione, possibilmente la Champions League. Nel caso in cui, oltre a questo, si potesse ottenere qualcos’altro in più, la scelta del tifoso sarebbe quasi sicuramente quella di vincere questa competizione contro la propria squadra rivale, avversaria di mille partite e da sempre odiata. Per il tifoso milanista, tutto ciò, incredibilmente, è successo il 28 Maggio 2003, giorno nel quale il Diavolo si aggiudica la sua sesta Champions League vincendo la partita più importante della sua storia: Milan-Juventus.

Il lungo cammino europeo della squadra di Ancelotti inizia ad Agosto 2002, quando nei preliminari di Champions League ottiene il passaggio alla fase ai gironi contro lo Slovan Liberec grazie alla regola dei gol segnati in trasferta, dopo aver vinto 1-0 in casa e perso 2-1 a Liberec. Se in campionato la squadra non sembra tenere il passo della Juventus, la situazione in Europa è completamente diversa e chiude la prima fase a gironi con 5 vittorie su 6. Anche la seconda fase non si rivelerà essere un problema nonostante la presenza di squadre come Real Madrid e Borussia Dortmund, e il Milan riesce così a passare il turno come prima nel girone, trovando l’Ajax ai quarti di finale. Dopo uno scialbo 0-0 in Olanda, le due squadre si giocano il passaggio del turno a Milano di fronte a 76.000 spettatori; i rossoneri vanno in vantaggio con Inzaghi nel primo tempo, Litmanen pareggia i conti nella ripresa ma due minuti dopo Shevchenko riporta avanti la squadra di casa; a poco più di 10 minuti dalla fine però Pienaar pareggia per gli ospiti allontanando così le speranze dei tifosi milanisti. Quando tutto sembra svanire però Inzaghi riceve un gran passaggio dentro l’area e con un magnifico pallonetto riesce a superare il portiere segnando il gol della qualificazione, anche se questo verrà poi assegnato a Tomasson, che tocca la palla poco prima che questa entri in porta. Al triplice fischio i tifosi rossoneri fanno esplodere la propria felicità per aver raggiunto la semifinale, sapendo che ad attenderli troveranno i loro rivali, l’Inter.

Prima del derby di Champions la tensione dei tifosi delle due squadre è incalcolabile, 180 minuti li separano dall’entrare nella storia all’essere derisi per anni e anni da parte dei rivali; anche la sfida sembra risentire di questa paura generale, tanto che la gara di andata, giocata in casa del Milan, si conclude 0-0. Nella sfida di ritorno questo andamento sembra continuare, quando poco prima della fine del primo tempo Shevchenko dopo aver vinto un contrasto con Cordoba riesce a battere Toldo e a portare i rossoneri in vantaggio. All’84’ però, quando sembra fatta, Martins pareggia il risultato per l’Inter, spronando la squadra verso la ricerca del gol-qualificazione e rendendo palpitanti gli ultimi minuti del derby. Poco dopo infatti arriva un buon pallone sui piedi di Kallon, che non riesce a segnare solamente grazie ad un miracoloso intervento di Abbiati che salva provvidenzialmente la porta del Milan. Dopo questa occasione i nerazzurri non riescono più a creare vere occasioni da rete e la partita giunge così alla fine, facendo liberare l’incontenibile gioia dei tifosi rossoneri che vedono aprirsi davanti a loro le porte della finale che si giocherà a Manchester.

Nell’altra semifinale la Juventus batte il Real Madrid 3-1 a Torino dopo aver perso la gara d’andata e conquista così l’accesso alla prima e unica finale di Champions League nella quale si siano affrontate due squadre italiane. Il Milan inizia forte e al 9’ minuto si porta in vantaggio grazie a Shevchenko ma l’arbitro annulla per un fuorigioco di Rui Costa che copre la visuale a Buffon; la gara sembra continuare senza particolari emozioni, con un’occasione per parte, prima Inzaghi va vicino al gol con un gran colpo di testa e in seguito Conte colpisce una traversa, facendo tirare un sospiro di sollievo ai tifosi rossoneri. Si giunge così ai tempi supplementari, nei quali nessuna delle due squadre riesce a prevalere e l’unico avvenimento è l’infortunio di Roque Junior, che decide comunque di concludere la gara per non lasciare i suoi in 10. Per decretare un vincitore è quindi necessario andare ai calci di rigore. La Juventus inizia per prima e sul dischetto di presenta Trezeguet, ma Dida para subito il primo rigore. Il primo giocatore a calciare per il Milan è Serginho che realizza dal dischetto. Al secondo giro Birindelli segna mentre Seedorf si vede neutralizzare il proprio tiro. Zalayeta e Kaladze sbagliano entrambi e le squadre rimangono così in parità. Dopo aver parato due rigori, Dida para anche quello calciato da Montero, mente Nesta riesce a perforare Buffon e a portare il Milan in vantaggio con un ultimo rigore da tirare. Per la Juventus va in rete Del Piero, mentre per il Milan tocca a Shevchenko. L’ucraino si presenta sul dischetto concentrandosi solamente sul segnare quel rigore, e lo si può capire osservando il suo sguardo, sul quale si sofferma la telecamera che lo sta inquadrando, uno sguardo glaciale che non fa trasparire nessuna insicurezza. L’arbitro fischia, Sheva parte e spiazza Buffon. I tifosi rossoneri presenti all’Old Trafford esplodono di gioia mentre Sheva inizia a correre esultante finendo la propria corsa tra le braccia di Dida, e i due eroi della finale si lasciano andare ad un bellissimo abbraccio liberatorio al quale si aggiungeranno poco dopo anche i loro compagni. Il mondo rossonero si trova così a vivere una favola insperata, un bellissimo sogno dal quale i tifosi non vogliono più risvegliarsi: il loro Milan è campione d’Europa dopo aver compiuto una straordinaria cavalcata e aver battuto la Juve, ma nonostante ci si trovi al Teatro dei Sogni questo non è un sogno, è una incantevole realtà che rimarrà per sempre nei cuori dei tifosi rossoneri.

Milan – Juventus 0-0 a.e.t. (3-2 on penalties)

Old Trafford, Manchester – Attendance: 63,300

Referee: Markus Merk (Germany)

Penalties: Trezeguet (saved), Serginho (goal), Birindelli (goal), Seedorf (saved), Zalayeta (saved), Kaladze (saved), Montero (saved), Nesta (goal), Del Piero (goal), Shevchenko (goal).

Line ups:

Milan: Dida, Costacurta (65' Roque Junior), Nesta, Maldini, Kaladze, Gattuso, Pirlo (71' Serginho), Seedorf, Rui Costa (87' Ambrosini), Shevchenko, Inzaghi. Coach: Ancelotti.

Juventus: Buffon, Thuram, Ferrara, Tudor (42' Birindelli), Montero, Camoranesi (46' Conte), Tacchinardi, Davids (66' Zalayeta), Zambrotta, Trezeguet, Del Piero. Coach: Lippi.